Uncategorized

Protesi totale: che cosa è necessario sapere

Ogni anno, più di 150.000 protesi d’anca sono stabilite in Francia. Come tutte le articolazioni, anca si consuma nel tempo. Quando questa usura diventa troppo invalidante, l’installazione di una protesi totale può essere indicato. Qual è il ruolo dell’anca? In quali casi il medico ha intenzione di installare una protesi? Ci sono diversi tipi di protesi? Come l’operazione effettuata? Quali sono le possibili complicanze?

Anca, articolazione tese

L’anca, noto anche come l’articolazione coxo-femorale, collega l’osso del Anca, articolazione tesebacino (osso iliaco) a quella della coscia (femore). Esso è composto da una cavità di forma circolare, chiamata acetabolo, coperto con una fibrocartilagine (il cotyloidal cordone), e una capsula articolare. Quest’ultimo è fatto di tessuto fibroso che circonda il comune. La funzione principale dell’anca è quello di garantire la mobilità della gamba e la stabilità del bacino. È in grado di sopportare carichi molto pesanti, fino a 4 volte più grande di peso corporeo.

Disturbi che portano al posizionamento di una protesi totale

In genere, l’installazione di una protesi d’anca è indicato per le persone che soffrono di osteoartrite ( OA dell’anca). In questo caso, è l’usura della cartilagine che è all’origine delle disfunzioni articolari. Può anche essere prese in considerazione persone con infiammatorie malattie comuni come l’artrite reumatoide e la spondilite anchilosante.

Quali segni?

In caso di artrosi dell’anca, l’usura della cartilagine provoca diversi disturbi che peggiorano nel tempo. Un dolore compare nella piega dell’inguine, e può irradiare nella coscia. Lei si sveglia dopo un lungo camminare, salire le scale o seduti. Se il dolore è causato da artrite reumatoide o spondilite anchilosante , si intensifica a riposo. Oltre al dolore, rigidità articolari e disturbi a piedi sono aggiunti. Alcuni gesti non può più essere realizzato per mancanza di flessibilità, ad esempio mettere su i calzini e taglio delle unghie, e il soggetto finisce per zoppicare.

La diagnosi

La radiografia conferma la diagnosi, evidenziando lo stato di usura della cartilagine. Può essere integrato da uno scanner o una risonanza magnetica.

Tipi di protesi

Ci sono diversi tipi di totale protesi d’anca:

  • Il classico protesi totale (più utilizzato). Consiste nel sostituire l’acetabolo, la testa del femore e il collo.
  • La protesi totale con doppia mobilità. Vicino alla protesi totale convenzionale, contiene un mobile in polietilene cup, che rende più stabile, riducendo così il rischio di lussazione.

La protesi può essere integrato direttamente nell’osso da rivestimenti di superficie come l’idrossiapatite, o fissato con cemento.

NB: La protesi di rivestimento è riservato per i pazienti giovani, in modo da preservare la loro osso capitale. La testa del femore è mantenuto, solo che le superfici articolari vengono sostituiti.

Prima di ogni operazione

Prima di un intervento chirurgico, molte prove sono eseguite, tra cui un esamePrima di ogni operazione del sangue e una radiografia per determinare la dimensione della protesi. Preoperatoria la valutazione comprende anche la consultazione con un medico anestesista e un cardiologo.

Durante il funzionamento

L’installazione di protesi totale è ben controllata operazione. Ha una durata di circa 1 ora e 30 minuti, e viene realizzata in anestesia generale. Viene praticata un’incisione sul bordo dell’anca. Grazie alla tecnica mini-invasiva, l’incisione è meno importante rispetto a prima e il recupero è più veloce.

Dopo l’operazione

Una volta terminata la procedura, il paziente viene portato all’anestesia stanza di recupero e poi in camera sua. Il giorno successivo si alza e comincia a camminare con le canne. La durata del ricovero in ospedale varia generalmente tra i 5 e i 10 giorni. Al fine di prevenire flebiti, un trattamento anticoagulante. Le sedute di fisioterapia sono necessari per re-imparare a camminare e scuotere la gamba.

Possibili complicazioni dopo la posa di una protesi totale

I risultati sono eccellenti nella maggior parte dei casi. Tuttavia, alcune Possibili complicazioni dopo la posa di una protesi totalecomplicazioni possono verificarsi:

  • Flebite o embolia polmonare,
  • Infezione,
  • Dolore intermittente,
  • Fessura o frattura di femore,
  • Disturbi nervosi,
  • La dislocazione,
  • La rottura di impianti,
  • Allentamento.

Va notato che artroplastica totale dell’anca ha una durata limitata. Si degradano naturalmente e può distruggere l’osso dell’anca. Questo è il motivo di una nuova procedura è bisogno di meno di 20 anni prima che la prima protesi (protesi di recupero).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *